Cosenza, in tre giorni ti giochi la salvezza: sarà una “Pasqua di passione”

Mancano 8^ giornate alla fine del campionato di serie BKT, la squadra rossoblù venerdì contro l’ Ascoli e lunedì con la Cremonese, si gioca una buona parte di salvezza: vietato sbagliare!

Il Cosenza, come la passata stagione, si giocherà tutto nello sprint finale del campionato.

Certo non è una situazione ancora drammatica, da coma irreversibile, ma contro Ascoli e Cremonese al “Marulla” ci saranno in palio punti vitali. La truppa del patron Guarascio,  nonostante un cammino in campionato non proprio esaltante e brillante, ha ancora fortunatamente il destino nelle proprie mani, o meglio nei propri piedi. Troppi i pareggi  ottenuti dalla compagine allenata da mister Occhiuzzi: ben 17 in 30 partite! Se non è un record poco ci manca. Il sodalizio silano è una squadra che perde poco solo 9 volte. Per intenderci lo stesso numero di sconfitte del Cittadella impegnato in piena lotta playoff. Il vero tallone d’Achille sono state le vittorie, solo 4 ! Davvero un bottino troppo esiguo, magro, se si considera che tra le mura amiche è caduto solo il Chievo Verona. Occorre accelerare decisamente il passo, il tempo scorre e le partite sono sempre di meno. Ogni errore può rivelarsi fatale!

SARA’ UNA VIA CRUCIS O UNA PASQUA DI RESURREZIONE PER I LUPI ?

Ettore Gliozzi (photo ilcosenza.it)
Ettore Gliozzi (photo ilcosenza.it)

Il primo match da non sbagliare per gli uomini di Occhiuzzi sarà il venerdi Santo, giorno in cui si festeggia il patrono della Calabria, nativo di Paola, San Francesco. Contro l’Ascoli, privo di Dionisi per squalifica, sarà un vero e proprio spareggio salvezza. Il Cosenza per l’occasione recupererà bomber Gliozzi, uscito malconcio dalla partita di Reggio Emilia, e l’esterno Crecco. Difficile avere a disposizione i lungodegenti Schiavi, Ba e Mbakogu. Il lunedì di Pasquetta, sarà invece la Cremonese l’avversario dei lupi, dell’ex Baez. Due partite che diranno molto sulle reali possibilità di salvezza della squadra rossoblù.

Sarà una Pasqua di resurrezione o una lunga via crucis fino alla fine del campionato ?!

Leave a comment