shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Single Blog Title

This is a single blog caption

“Vi giudico io”: il pagellone di fine anno a Lupi si Nasce

Sono sicuro che gli amici della redazione apprezzeranno poiché concordi col sottoscritto sul fatto che senza l’ironia la vita, nonché il calcio, sarebbero terribilmente piatti e noiosi.

Del resto, Victor Hugo affermava che “la libertà comincia dall’ironia” e, ancora, Jean Paul dichiarava che “l’ironia e l’intelligenza sono sorelle di sangue”. Sillogisticamente si potrebbe dire che chi mostra insofferenza verso la satira non è incline alla democrazia ed è pure un coglione. Ma sto divagando coi pensieri, come spesso mi capita. Non vorrei finire fuori tema. “Chi cintranu si cose?” Allora, ringrazio gli amici di Lupi si Nasce però “mo i fazzu tremà na pocu cu su bellu pagellone” di fine anno, relativo alla prima parte della stagione 2017/2018.

PS. I voti li attribuirò al termine del campionato nel pagellone finale. Per ora darò solo i giudizi.

RITA ROSSI (Mattatrice): Mentre “u’Cusenza sta circannu n’attaccante buanu”, Lupi si nasce può contare da tempo, puntata dopo puntata, sul suo bomber spacca-campionato. Ebbene si amici, la nostra Rirì ha ormai conquistato il nostro cuore con la sua straordinaria esuberanza, oltre che competenza. Ella ricorda la sirena Lighea di Tomasi di Lampedusa, «creatura spirituale ed istintiva al tempo stesso, seduttrice e anche madre saggia, donna». Il suo canto soave e suadente promette (per la felicità di migliaia di tifosi): “Si saglimu in serie B, le esco a piazza Bilotti”. E il coro risponde: “Jamu Trinchera, piglia si pezzotti!”

PIERGIORGIO GIORNO (Osservato speciale): Nonostante vesta i panni dell’esperto di calciomercato della redazione, se “bogliaddìu” non riuscirà ad azzeccare qualche acquisto/cessione del Cosenza neanche in questa finestra invernale di mercato sarà ribattezzato “Piergigì a’chiacchiera”. Inoltre, grava su di lui la grave colpa di non aver mai “fattu piglià na bulletta ari tifosi”, nonostante curasse una rubrica dedicata ai pronostici. Comunque sia, ogni apparente defaillance è demolita dal suo grande cuore, ovviamente rossoblù. Ha sempre cercato di infondere ottimismo e fiducia, anche tra le macerie di un avvio di campionato shock. Solo per non aver mai ceduto alla tentazione “du taglio” merita un Oscar. Lupi si Nasce, signori anche. E PGG ne è l’esempio.

DANIELE CIANFLONE (Talismano): “Danieluzzu” è imprescindibile nel team di Lupi si nasce. È uno stakanovista sempre all’opera per migliorare le performance sue e del collettivo. Mai banale e scontato e, al contempo, riesce ad essere equilibrato e razionale. Ha la stoffa del giornalista di razza ed è un vero tifoso dei lupi. Inoltre, “mò è diventato puru nu talismano cu chiru maglioncino rosa” da sfoggiare in ogni puntata di Lupi in Trasferta. “Na reliquia, cumu a sindone o cumu u sangu i San Gennaro”. L’ottimo rendimento esterno del Cosenza non è solo il frutto del lavoro di Braglia ma è merito anche “du confettiaddru”.

PIERO AMEDEO DE CINDIO (Deus ex machina): Anche se non appare mai in primo piano, è fondamentale la sua presenza dietro le quinte ove, tra una sigaretta e l’altra, dirige l’orchestra di Lupi si Nasce con la genialità e la follia tipiche della napoletanità. Ha un amore viscerale per il trash che lo porta ad applaudire e benedire anche le scene più brutte mai viste in web-tv, come ad esempio quella in cui “Piergigì sparava i bumme i mercato curu mantello ara Mago Otelma, cu na nticchia da Zingara di carte e di Maurizio Mosca”. È proprio vero che “i miagli su ciuati”. Amedeo è l’anima del team.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.